giovedì 29 giugno 2017

Questione Pallozzi, Sinibaldi: "Il regolamento non si tocca"

"CERCHIAMO UN'INTESA CON TUTTI" HA TUONATO L'ASSESSORE SULMONESE

La questione del Pallozzi potrebbe diventare un caso politico se il consigliere comunale del Psi Fabio Pingue non dovesse fare un passo indietro in merito volontà di procedere alla modifica del regolamento degli impianti sportivi per permettere ai Nerostellati di giocare allo stadio di Sulmona. Pingue viene seccamente smentito da Mario Sinibaldi, suo assessore di riferimento con delega allo sport. “Cambiare il regolamento non serve – afferma Sinibaldi – perché va benissimo così. La soluzione va trovata per tutti discutendo insieme e le esternazioni di Pingue non servono assolutamente a risolvere i problemi”. Disappunto nei confronti di Fabio Pingue sarebbe stato espresso anche da un consigliere comunale di maggioranza che non voterebbe mai la modifica del regolamento. “Pingue – ribadisce l’assessore – ha sbagliato a rilasciare questa dichiarazione e gli ho detto che la situazione va affrontata in maniera diversa, sedendoci tutti attorno allo stesso tavolo. Forse ha interpretato male le cose”. Tutto potrebbe comunque concludersi con il classico “tanto rumore per nulla” se il Pallozzi non dovesse risultare idoneo per la Serie D perché, rispetto al 2014, si registrano carenze strutturali riguardanti il terreno di gioco ed il settore delle gradinate ed andrebbero eseguiti altri interventi come la realizzazione di una sala medica. Manca anche il parcheggio per le tifoserie ospiti in quanto l’area camper di via Japasseri tra non molto sarà interessata dai lavori del Collettore turistico. La possibilità di portare i Nerostellati a Sulmona potrebbe dunque rivelarsi una bolla di sapone. Ad avanzare questa ipotesi è lo stesso Mario Sinibaldi. “A questo punto – dice – non so se lo stadio è a norma, prima di parlare bisogna dunque analizzare bene lo stato dell’arte”. Un altro motivo che impedirebbe di giocare subito al Pallozzi è legato al progetto per il sintetico che, come sembrerebbe, sarebbe stato ripreso e, prima di essere portato in giunta, si troverebbe al vaglio del dirigente del settore per il visto tecnico. In attesa di sviluppi, l’assessore Sinibaldi convocherà una riunione con le società dopo la scadenza del 1 luglio per la presentazione delle domande per l’utilizzo degli impianti sportivi. “Dobbiamo riportare un po’ di calma negli ambienti – conclude – per giungere ad una soluzione che sia utile per tutti”.


Domenico Verlingieri

Nessun commento: